CASO PIU’ RARO CHE UNICO

A volte alcune grandi aziende commettono marchiani e grossolani errori che stenteremmo a crederci quando vengono raccontati e/o illustrati. La FIAT argentina, ne ha commesso un macroscopico per cui ha dovuto ricorrere immediatamente ai ripari. Sapete che quando si ritira una autovettura nuova nel corredo generale posto all’interno, vi sono alcuni manuali indispensabili per le istruzioni, la conoscenza delle parti dell’automobile e indicazioni specifiche sulle modalità di guida. Ebbene, in Argentina appunto, è stato notato all’interno delle auto nuove in consegna, un manualetto di stampo sessista al maschile, riferito appunto all’uomo alfa: maschio dominante. Sono stati ravvisati in questo manuale, indicazioni insopportabili e suggerimenti che hanno suscitato lo sdegno delle femministe più accese e le smorfie di quelle più moderate. “Una donna con una gonna corta, è bene che segga sul sedile posteriore, affinché l’uomo non venga distratto mentre sia alla guida”. Ma come, siamo ancora a questo punto? Cioè se l’uomo avesse una scosciata al sedile di fianco, perderebbe la concentrazione e il lume della ragione? Se capitasse che in macchina l’uomo abbia con se la moglie e alcune sue amiche, si consiglia al maschio di comportarsi da vero autista protettivo, capace di condurre le donne là dove sono dirette, sane e salve!!!! AhAhAhAhAhAh!!!! Come se le donne, sane e salve, non saprebbero arrivarci. E di queste raccomandazioni squilibrate e pendenti dalla parte dell’uomo, ve ne sono diverse e irriguardose per donne che la patente la posseggono e le auto le sanno guidare. E poi, andiamo, è da quando non ci sono più le portiere che si aprivano da sinistra a destra (le famose portiere a favore di vento) che non si aspetta più la bella donna con le gambe da mostre mentre  scende dalla macchina. Roba da pazzi, una gaffe che una grande azienda come la FIAT (argentina) non avrebbe dovuto commettere, tanto è vero che ha provveduto subito al ritiro del libretto discutibile. Per i sessi ormai non si fa più distinzione, dobbiamo finirla con la vecchia stereotipata frase: “Donne al volante pericolo costante”. Luoghi comuni, leggende metropolitane che non appartengono più al nostro tempo. C’è ben altro che deve richiamare la nostra attenzione. 

 

CASO PIU’ RARO CHE UNICOultima modifica: 2016-09-25T19:59:41+02:00da monellaccio19

Questo elemento è stato repostato da

  • Avatar di monellaccio19

4 pensieri su “CASO PIU’ RARO CHE UNICO

    • Dai coraggio, se cambiamenti ci sono, li puoi superare perché sono sormontabili. Intanto, per il momento, questo altro blog è solo una riproposizione di vecchi post.
      Fermati solo al solito blog. Là non troverai grossi problemi. Insomma fermati al solito “Carico a Chiacchiere”.
      Ciao Grazia.

Lascia un commento